EX LIBRIS e il Seggio Vacante

ExLibrisUn’immensa biblioteca. Migliaia di libri di tutti i generi. Una spietata competizione per sistemare i volumi nella libreria perfetta… E alcuni aiutanti un po’ strani che non si fermeranno davanti a niente pur di sabotare i vostri avversari e farvi vincere il titolo di Gran Bibliotecario!

N.B.: Al momento della pubblicazione di questa recensione, il gioco esiste esclusivamente in lingua inglese. L’uscita della localizzazione italiana a cura di Raven Distribution non ha ancora una data certa. Pertanto, i termini e i nomi usati in questa review sono frutto della mia personale interpretazione e traduzione e potrebbero non corrispondere a quelli scelti per la versione italiana definitiva.

FULL REVIEW

Editore: RENEGADE GAME STUDIOS

Autore: ADAM P. McIVER

Illustrazioni: JACQUI DAVIS, ADAM P. McIVER & ANITA OSBURN

Tipologia di Gioco: STRATEGIA (CARD DRAFTING; COLLEZIONE SET; PIAZZAMENTO LAVORATORI; TABELLONE MODULARE; ABILITÀ VARIABILI DEI GIOCATORI)

Anno di Pubblicazione: 2017

flagEX LIBRIS English Review HERE!

*****

Di Cosa Si Tratta?

“Il sindaco ha appena annunciato che c’è un nuovo seggio vacante nel Consiglio del Villaggio, quello di Gran Bibliotecario. La prestigiosa (e redditizia) posizione verrà assegnata al cittadino che riuscirà a costruire la biblioteca più straordinaria.” Ehi, voi, topi da biblioteca che state leggendo, che ne dite di partecipare a questa stramba gara?

EX LIBRIS è un gioco strategico di carte e piazzamento in cui i giocatori competono per creare la migliore biblioteca secondo un elenco di criteri diversi che vanno dal mero ordine alfabetico alla stabilità degli scaffali fino alla varietà dei generi offerti. Be’, è finalmente giunto il momento di mettere a frutto tutte quelle ore passate ogni giorno in biblioteca a studiare quando andavamo a scuola!

In un mondo dall’ambientazione fantasy popolato da gnomi, folletti di fuoco, cubi gelatinosi e Big Foot, manderemo i nostri assistenti a visitare diversi luoghi del villaggio per procurarsi i libri di cui abbiamo bisogno. Sistemeremo poi tutti questi tomi sui nostri scaffali cercando di rispettare i requisiti elencati nel Formulario di Ispezione del Sindaco per ottenere il maggior numero di punti possibile.

Che siate appassionati di fantascienza o che preferiate il genere storico, EX LIBRIS fa assolutamente per voi. E se invece non amate affatto leggere, non importa: questo gioco vi conquisterà con le sue meravigliose illustrazioni, con un gameplay fluido e con i più divertenti titoli di libri che abbiate mai visto.

ex libris_board_valeria

Meccaniche e Flusso di Gioco

EX LIBRIS si svolge in una serie di round; ogni round è formato da quattro fasi che vengono eseguite in un preciso ordine.

  • Preparazione: Il primo giocatore rivela nuove tessere luogo del villaggio, espandendo il tabellone. I nuovi luoghi potranno essere visitati dagli assistenti dei giocatori da questo momento in poi.
  • Piazzamento: Uno alla volta, i giocatori piazzano uno dei loro assistenti (standard o speciali) su un qualsiasi spazio libero delle tessere luogo del villaggio comuni o della propria biblioteca e attivano subito l’Effetto Immediato del luogo scelto, se presente. Poi, se hanno optato per uno spazio che permette di “scaffalare” libri, i giocatori dispongono le loro carte nella biblioteca cercando di seguire i criteri stabiliti all’inizio della partita (avere il maggior numero di libri che rientrano nella categoria delle Opere Illustri, per esempio, oppure contribuire alla stabilità generale degli scaffali).
  • Risoluzione: I giocatori attivano gli Effetti Ritardati presenti eventualmente sulle tessere luogo scelte e infine raccolgono tutti i loro assistenti.
  • Pulizia: I giocatori scartano le tessere luogo che in questo round avevano il numero più alto, mentre quella con il numero più basso diventerà un Luogo Permanente. I giocatori controllano se qualcuno ha scaffalato il numero necessario di carte-libro per innescare l’ultimo round. In caso negativo, si inizia un nuovo round con la fase di Preparazione.

ex libris_tiles_valeria

So cosa state pensando. No, scaffalare libri non è noioso. E no, non si tratta dell’ennesimo gioco “piazza l’assistente e pesca la carta”. C’è molto, molto di più.

Prime Impressioni

Essendo una lettrice incallita, EX LIBRIS mi ha attirato come le api con il miele. Ero troppo curiosa di vedere come le mie due più grandi passioni – la lettura e i giochi da tavolo – potessero fondersi in un’unica grandiosa esperienza.

Il gioco appare come un mix praticamente di qualsiasi cosa venga in mente. Un po’ di vita scolastica di Hogwarts qui, un po’ del mondo del Signore degli Anelli là. Libri di Incantesimi e Pozioni da un lato, cittadini del villaggio con le orecchie a punta dall’altro. E mummie, golem, maghi, fantasmi e streghe. “Che casino!” Questo è stato il mio pensiero quando ho visto il gioco per la prima volta. Un enorme calderone pieno di tutto… che a diventare niente ci mette un attimo. Oh, come mi sbagliavo!

Primo, non è affatto un casino. Le creature, i luoghi, le meccaniche, la grafica… ogni cosa è perfettamente inserita e trova il proprio posto nel mondo di EX LIBRIS.

Secondo, non fatevi scoraggiare dal tema. Sì, è vero, ci sono letteralmente centinaia di libri, ma mica dovete leggerli tutti. E giuro che quei titoli super divertenti vi faranno desiderare che la biblioteca che state costruendo esista davvero.

Infine, dimenticate i libri e i maghi per un attimo: EX LIBRIS è un gioco di strategia a tutto tondo. Ci vogliono tanta pianificazione a monte e la capacità di modificare il corso delle proprie azioni quando le cose vanno male e i nostri avversari sembrano sapere esattamente quali libri stiamo puntando ad accaparrarci.

Qualità dei Materiali

I materiali sono fantastici. Punto.

Una grande scatola quadrata con copertina lucida e il titolo scritto in leggero rilievo; 12 meeple di legno a forma di gnomo e 12 meeple unici che rappresentano gli assistenti speciali; 152 carte-libro contenenti 510 libri con titoli tutti diversi; 30 tessere di cartone spesse e super colorate; un tabellone ripiegato in orizzontale (avrebbe potuto essere più piccolo per lo scopo che ha, ma sono felice che non lo sia!); un inserto di plastica pre-sagomato per contenere tutti i materiali alla perfezione (anche se le carte sono imbustate).

ex libris_assistants_valeria

Per quanto mi riguarda, la cosa più bella che c’è nella scatola è il Formulario di Ispezione. A differenza di altri fogli segnapunti, non c’è bisogno di usare matite o fare fotocopie: si può scrivere direttamente sul formulario con il pennarello nero fornito e poi cancellare i punteggi con un panno. Tutti i giochi dovrebbero avere un segnapunti così!

ex libris_form_valeria

Direzione Artistica

La grafica di questo gioco è senza dubbio una delle migliori che abbia mai visto, nonché una delle più appropriate. A partire dalla scatola fino alle bellissime illustrazioni sulle tessere luogo e biblioteca. Colorate e ricche di informazioni, ma comunque funzionali.

Il regolamento è estremamente chiaro, ricco di immagini ed esempi.

E poi ci sono le carte-libro. La parte migliore del gioco. Ogni carta contiene da 2 a 4 libri unici in 6 colori diversi a seconda della loro categoria di appartenenza. Sulla parte superiore della carta sono riportati dei simboli che, in modo alquanto pratico, ci ricordano velocemente a quale categoria appartengono i volumi. Ogni singolo libro ha un titolo divertente che si rifà chiaramente a un titolo di un film o di un romanzo famoso oppure presenta un gioco di parole o un’espressione linguistica buffa. Purtroppo qui sapere l’inglese è tutto, non ce n’è. Chi non vorrebbe leggere “Eat, Prey, Lovecraft” pensando a Julia Roberts? E cosa mi dite di “Mystery, She Wrote” di Fletcheriana eco? E “Gorgon with the Wind”? Anche Rossella O’Hara morirebbe dal ridere. Forse dovremmo tutti leggere “Spells That Don’t Work So Well” prima di provare a lanciarne uno! Scorrere tutti questi titoli è davvero divertente e rende l’idea dell’immenso e grandioso lavoro fatto dall’autore e dagli illustratori. Mi auguro davvero che la localizzazione italiana, se mai ce ne sarà una, possa essere all’altezza di tanta genialità.

ex libris_books_valeria

Fattore Divertimento

EX LIBRIS è sia piacevole che frustrante. Come ho già detto, i titoli dei libri sono spassosi, ma il gioco in sé è altrettanto divertente, in quanto i giocatori possono rubare carte-libro agli avversari, per esempio, oppure occupare uno spazio su un luogo del villaggio di cui gli altri hanno disperatamente bisogno. Scoprirete, però, che quando la vittima sarete voi, non sarà così divertente…

Non c’è bisogno di essere topi da biblioteca per apprezzare questo gioco. Liberate la vostra immaginazione e non ve ne pentirete.

Fascia d’Età e Peso

L’età suggerita per EX LIBRIS è 10+ e questa valutazione mi trova assolutamente d’accordo. Le regole sono semplici da imparare e i bambini non avranno alcun problema a capire cosa devono fare. Probabilmente la loro strategia non sarà perfetta, ma si divertiranno a sistemare i libri sugli scaffali e a inviare i loro assistenti alla Capanna del Mistero o alla Discarica per recuperare i volumi. Il regolamento introduce anche una variante del gioco per principianti e una con un conflitto diretto minore, concepite appositamente per giocare con i più piccoli.

EX LIBRIS non è assolutamente pesante. Richiede ai giocatori una certa attenzione alla strategia e un po’ di pianificazione, ma mi sento di dire che è un gioco semplice e scorrevole. Per una sfida più avvincente, gli hard gamer possono provare la Modalità in Solitario in cui competeranno contro sé stessi per far sì che la loro biblioteca venga approvata dal Sindaco.

Il tempo medio di gioco si attesta tra i 45 e i 75 minuti a partita a seconda del numero di giocatori. Non male per costruire un’intera biblioteca dalle fondamenta!

Conclusioni

Io A-M-O questo gioco. Continuo a volerlo intavolare.

Senza essere troppo lungo, fornisce un’esperienza di gioco completa. Meccaniche diverse tra loro si fondono perfettamente; il tempo vola e la partita finirà prima che ve ne rendiate conto… e forse prima che siate riusciti a costruire una biblioteca decente. Ohi ohi!

La rigiocabilità è garantita dai numerosi assistenti speciali e dalle altrettanto numerose tessere luogo presenti, tutti caratterizzati da differenti abilità ed effetti. Ci vorrà un po’ prima di riuscire a provare le infinite possibili combinazioni.

Il flusso di gioco è scorrevole. La grafica meravigliosa. I materiali funzionali. Le regole semplici e chiare.

Renegade Game Studios ha davvero fatto centro con questo gioco. L’originalità è la sua caratteristica principale. La Renegade è una delle mie case editrici estere preferite e sono sicura che non smetterà di stupirmi e stupirci in futuro. Rimanete sintonizzati.

Il gioco contiene le seguenti carte:

152 Carte Libro + 6 Carte Categoria: 54 mm x 80 mm

Vi ho convinti a provare il gioco? Date un’occhiata su AMAZON oppure su uplay.it!

2 commenti

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...